Cookie Law: mettersi a norma entro il 31 Maggio 2015


Lo scorso 08 Maggio 2014 il Garante sulla Privacy  ha emanato un nuovo regolamento finalizzato al l consenso per l’utilizzo dei cookie; tale documento è stato convertito in legge dello Stato, Cookie Law, il 3 giugno 2014.

Questa nuova legge prevede l’obbligo per  i titolari/gestori di siti web di:

  1. L’inserimento sul proprio sito internet dell’ informativa riguardante l’utilizzo e la gestione dei cookie (cookie policy)
  2. L’inserimento dell’  avviso (banner, pop-up, lightbox,ecc)  che il sito utilizza i Cookies
  3. La comunicazione al Garante per la tutela della Privacy riguardante il trattamento dei cookie finalizzati alla profilazione.

 

Si consiglia di far aggiornare il proprio sito web!

 

Cosa sono i cookie?

Una piccola spiegazione su cosa sono i cookie.

I cookie sono piccoli file di testo che vengono scaricati e memorizzati dal browser utilizzati che li “riceve” dai siti web visitati.

Nel corso della navigazione su un sito internet il visitatore può ricevere, sul suo terminale, anche cookie di siti o di servizi web  di “terze parti” (i così detti “cookie di terze parti”); il caso più comune può essere la visita di un sito web nel quale sono presenti i pulsanti “condividi” di Facebook, Twitter o Google Plus

I cookie sono usati, solitamente, a fini statistici  o salvare  alcune preferenze del visitatore: un esempio pratico consiste nel “ricordare” l’utente, nei siti web che richiedono l’accesso ad una area riservata, al fine di non dovergli chiedere nuovamente username e password al prossimo accesso.

Alcune volte  i cookie sono assolutamente necessari (basti pensare all’home banking dove  mantenere i dati di chi accede al servizio bancario è ) mentre altre volte vengono utilizzati  per finalità “meno nobili” o, se preferite, pubblicitarie: creando, cioè, un profilo personalizzato dell’utente a partire dalle pagine che lo stesso ha visitato e mostrargli successivamente  pubblicità mirate.

 

Le ammende previste per la mancata messa a norma:
Le sanzioni previste vanno da un minimo di 6.000 euro ad un massimo di 36.000 euro in caso di omessa informativa.
E’ prevista una multa da 10.000 a 120.000 euro nel caso in cui venga effettuato l’impianto di cookie di profilazione senza il consenso dei visitatori.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *