Temi WordPress: i migliori e quali evitare4 min. di lettura

Affronterò in questo articolo uno degli aspetti cardine nello sviluppo di un sito WordPress: la scelta del tema.

Tema gratuito oppure a pagamento? (i cosiddetti “temi premium”), semplice oppure con moltissime opzioni?

Vedremo assieme le differenze sostanziali ed alla fine troverete l’elenco di quelli che ritengo i migliori temi per WordPress.

NON CADETE NELL’INGANNO del “Cerco un tema per….”:
Uno degli errori più comuni è quello di cercare il tema in base alla tipologia/tematiche del sito che si intende sviluppare.

Partecipando a diversi forum e gruppi su Facebook  una delle domande tipiche è:

“Salve devo realizzare  un sito per il mio ristorante / negozio / studio / ecc. quale tema mi consigliate per questo?”

Questo è, esattamente, l’approccio  SBAGLIATO nella scelta di un tema! Il tema per WordPress è solamente una base con la quale sviluppare il proprio sito web: cadere nell’inganno di template WordPress  prefatti con demo accattivanti e “pronti all’uso” porta, il più delle volte, a portarsi a casa dei bellissimi specchietti per allodole….

Temi WordPress: caratteristiche fondamentali.

Quali caratteristiche deve avere  un tema per WordPress per essere di buona qualità?

A prescindere dai gusti estetici personali ritengo che un buon template WordPress, per ritenersi tale, deve avere  queste caratteristiche:

  1. Aggiornamento del tema: prima di prendere in considerazione un tema verificate la data di rilascio dell’ultimo aggiornamento (scartando in partenza temi non più aggiornati da diversi mesi), il numero di installazioni, la compatibilità con l’ultima versione di WordPress.
  2. Affidabilità sviluppatore: date un’occhiata al forum di supporto del tema (tutti i temi presenti nel repository ufficiale hanno, sempre su wordpress.org, anche un’area dedicata al supporto) e se lo sviluppatore risponde alle domande ed ai problemi degli utenti o se ci sono lamentele/quesiti senza risposta senza dimenticare di controllare i feedback del tema. Inoltre valutate se lo sviluppatore ha un proprio sito web e guardate se è aggiornato o meno.
  3. Leggerezza / codice ottimizzato: un tema WordPress lento di suo comprometterà sicuramente la velocità del proprio sito internet per tanto focalizzate la vostra attenzione su temi WordPress con un codice leggero ed ottimizzato per delle performance elevate. Ovviamente deve anche essere ottimizzato SEO.
  4. Responsive:  ormai dovrebbe essere “normale” ma meglio ricordare che il tema prescelto deve, ovviamente, essere fully responsive per meglio adattarsi alla visualizzazione da qualsiasi dispositivo. 
  5. Semplicità di utilizzo / personalizzazione: l’integrazione con il “personalizza” di WordPress oppure un pannello proprietario intuitivo sono sicuramente graditi (personalmente ritengo migliore la prima opzione). Evitare temi con improbabili soluzioni proprietarie di difficile gestione. Anche la presenza di diverse personalizzazioni quali struttura, header, footer, font, colori,ecc è gradita (ma delle volte aggirabile con poche righe di CSS)

Temi WordPress: free oppure a pagamento?

Uno dei….. temi più discussi (scusate il gioco di parole!): meglio un tema gratuito oppure uno “premium” a pagamento?

Siti web dove acquistare temi premium ce ne sono moltissimi ma i più conosciuti in assoluto sono due: Themeforest e TemplateMonster.

Personalmente sconsiglio l’acquisto di temi premium da questi portali: come spiegato nel mio articolo “Sito WordPress lento – come risolvere?” molti di loro integrano un gran numero di plugins inutili e dannosi e sono particolarmente pesanti e/o molto complessi.

Contrariamente a quanto ho letto su vari blog del settore che consigliano “a spada tratta” l’acquisto di un tema premium come “indispensabile” (ed alcune volte si scopre che sotto questi “preziosi consigli” ci sono delle commissioni pagate tramite referral link…..) sostengo esattamente il contrario: il più degli utenti potrebbe realizzare il proprio sito / blog (tranne specifici casi) con un tema gratuito presente nel repository ufficiale di WordPress.org  correttamente configurato e settato magari assieme al page builder (sempre free) Elementor.

Molti dei temi free hanno anche delle versioni a pagamento con più opzioni/personalizzazioni: potete prendere in considerazione l’acquisto se volete effettivamente quel “di più” offerto ma senza dimenticare che,in certi casi, la spesa sarà annuale.

STATE ATTENTI AI TEMI CON FUNZIONALITÀ PROPRIETARIE:
Tranne poche eccezioni, in cui è effettivamente utile avere delle funzionalità aggiuntive integrate, nel tema sconsiglio caldamente di utilizzare temi con “custom post”: se per qualsiasi motivo il tema non venisse più supportato oppure, nel tempo, vorreste cambiarlo vi ritroveresti con delle parti del vostro sito scomparse (si dovrà convertire i custom post oppure ricrearli nel nuovo tema: tutte operazioni non certo adatte ad un neofita! ).

I migliori temi per WordPress - aggiornato a Settembre 2019

Tutti i temi inseriti di seguito sono stati provati “di pelle” e solo dopo sono stati inseriti nell’elenco:

Customizr

Era uno dei miei temi preferiti (l’attuale webepc.it è basato su questo tema) ed è tutt’ora molto valido anche se un po’ “invecchiato”.

Non ho apprezzato lo sviluppo di un page builder proprietario da parte del creatore (ma il tema si può usare tranquillamente anche con Elementor).

Pro
  • Leggero e performante.
  • Slider integrata di buona fattura.
  • Buona quantità di personalizzazione.
  • Bella impaginazione a griglia degli articoli
  • Compatibile con Elementor.
Contro
  • Lo sviluppatore consiglia un suo page builder proprietario.
  • Su certi aspetti è rimasto un poco "indietro".
  • Piccolo conflitto (lightbox) con Elementor.

OceanWP

Uno dei temi più “gettonati” ed ottimizzato per Elementor è, tra i gratuiti, uno di quelli che maggiormente assomiglia di più ad un “premium”.

Molto personalizzabile anche se il pannello non è intuitissimo….

Ottima l’integrazione con Woocommerce.

Pro
  • Leggero e performante.
  • Tema disponibile dal 2016 e regolarmente aggiornato.
  • Ottime possibilità di personalizzazione.
  • Ottima integrazione con Woocommerce.
  • Varie impaginazioni degli articoli.
  • Compatibile con Elementor.
Contro
  • Sticky header non disponibile sulla free (ma si può aggirare il problem con un plugin).
  • Menù personalizzazione ed opzioni non propriamente "user friendly".

Customify

Attualmente è uno dei miei preferiti per le moltissime possibilità di personalizzazione, la sua semplicità di utilizzo e la gestione di header e footer.

Compatibile con Elementor e Woocommerce (permette, anche nella versione free, di personalizzare le pagine prodotti, carrello,ecc).

Pro
  • Leggero e performante.
  • Personalizzabile.
  • Pannello "user friendly".
  • Header e footer builder.
  • Compatibile con Elementor e Woocommerce.
Contro
  • Aggiornamenti rilasciati con un po' in ritardo.
  • Tema abbastanza recente.

Futurio

Tra  i free è quello che, a livello di filosofia, assomiglia di più ai “premium” con tanto di demo importabili.

Pecca di qualche errorino di gioventù (è un tema disponibile da fine ottobre 2018) ma è molto valido.
Inserisco le demo importabili (sfruttano Elementor) sia tra  i “pro” che  i “contro” in quanto migliorabili a mio modesto parere.

Pro
  • Molto leggero.
  • Demo importabili.
  • Buona quantità di personalizzazioni.
  • Compatibile con Elementor.
  • Estensioni per Elementor.
Contro
  • Sidebar migliorabili.
  • Personalizzazione colori limitata sulla free.
  • Demo importabili.
  • Tema recente.

Hueman

Stesso sviluppatore del tema Customizr, estetica e filosofia diversa da quanti proposti sino ad ora.

Ottimo per blog e magazine online ma si può sfruttare anche per siti professionali / aziendali con ottimi risultati.

Pro
  • Ottime performance in particolare da mobile.
  • Buona quantità di personalizzazioni.
  • Header con area widget.
  • Compatibile con Elementor.
Contro
  • Lo sviluppatore consiglia un suo page builder proprietario.

Attesa - Cresta Project

Stesso sviluppatore di “Freddo” è un nuovo tema nato per offrire prestazioni elevate e compatibilità con i più comuni page builder (in particolare Elementor).

Ha delle performance molto elevate e funziona bene, sicuramente da prendere in considerazione.

Pro
  • Estremamente leggero e performante.
  • Piena compatibilità con Elementor
  • Buona quantità di personalizzazione.
  • Belle demo importabili (anche free)
Contro
  • Progetto recente (2019)

Freddo - Cresta Project

Sviluppatore Italiano, un bel tema molto “scenografico” ma anche veloce e con una bella slider a tutto schermo.

Ottimo per siti OnePage (che personalmente non apprezzo…) ma sfruttabilissimo anche per siti “normali” dove si fa apprezzare per la pulizia del codice e leggerezza.

Pro
  • Codice leggero e performante.
  • Slider integrata bella e d' impatto.
  • Buona quantità di personalizzazione.
  • Compatibile con Elementor.
Contro
  • Slider limitato a 3 immagini nella versione free.
  • Sezioni home limitate nella versione free.

Bulk

Nato per essere utilizzato assieme ad Elementor è un tema semplice, pulito e veloce.

Offre poche personalizzazioni ma ha nel menù la possibilità di inserire la “call to action” molto utile.

Pro
  • Leggero
  • Immagine di sfondo nella home gradevole
  • Call to action nel menù
  • Compatibilità totale con Elementor.
Contro
  • Poche impostazioni di personalizzazione.

Astra

Forse il più leggero e scattante del gruppo ma, nella versione free, abbastanza povero nelle impostazioni e personalizzazioni.

Pro
  • Estremamente leggero e performante.
  • Call to action nel menù.
  • Pienamente compatibile con Elementor.
  • Disponibile da molti anni.
Contro
  • Poco personalizzabile nella versione free.
  • Colore header personalizzabile solo tramite CSS.

Temi ufficiali di WordPress

Semplici ma ottimi per piccoli progetti non si possono certo escludere i temi sviluppati proprio da WordPress!

Non offrono molte personalizzazioni o “effetti speciali” ma  sono ottimi come stabilità ed affidabilità.

Pro
  • Affidabili e stabili.
  • Semplicità di utilizzo.
Contro
  • Poco personalizzabili.
  • CPoche opzioni.

Bene spero che questo breve excursus sul mondo dei temi per WordPress possa essere utile.

Se avete bisogno di approfondimenti oppure segnalare qualche tema potete commentare qui sotto.

Ti è piaciuto? Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 commenti su “Temi WordPress: i migliori e quali evitare”

Informativa breve Cookie
Questo sito utilizza i cookie tecnici, per le statistiche e di terze parti. NON utilizzo cookie di profilazione. Puoi avere i dettagli visitando l’informativa estesa sui cookie

Informativa estesa cookie
Informativa Privacy